STUDIARE CON LE MAPPE MENTALI – IL METODO MMOST

Il Liceo mi è sembrato un calvario senza fine!!!

Fino a quel momento ero sempre andato molto bene a scuola, mi piaceva studiare e amavo imparare cose nuove, arrivato alle Superiori però qualcosa si è rotto!

Ho iniziato a vivere lo studio come una sofferenza e questo mi è costato 5 anni di voti appena sufficienti e promozioni sul filo di lana.

Senza voler trovare degli alibi, penso che Tony Buzan abbia inquadrato perfettamente le problematiche legate all'apprendimento: spesso non sono i ragazzi ad avere problemi di concentrazione o di scarso impegno, è il sistema scolastico che proprio non funziona!!!

Non mi soffermerò sul problema (che è complesso e richiederebbe parecchia attenzione), ma offrirò una soluzione per Imparare ad Imparare!

Quello che segue è il metodo MMOST (Mind Map Organic Study Technique) creato dallo stesso Tony Buzan per facilitare l'apprendimento. Si divide in due macrofasi, Preparazione e Applicazione.


 

PREPARAZIONE

1) Sfoglia velocemente tutto il materiale che devi studiare. Ti aiuterà  a farti un'idea di come è strutturato, gli argomenti che tratta, in pratica come l'autore ha organizzato il materiale.

2) Prepara un programma di studio: stabilire quanto tempo e la quantità di materiale che vuoi studiare ti aiuterà a motivarti e a pianificare lo studio nei tuoi momenti migliori 

3) Crea una Mappa Mentale di ciò che già conosci sull'argomento: avrai dei ganci ai quali attaccare le nuove informazioni, la memoria infatti funziona meglio quando riesce a collegare le informazioni tra di loro tramite le associazioni. Un’altra implicazione positiva è che farai una prima verifica di quello che conosci dell’argomento.

4) Definisci gli Obiettivi che vuoi raggiungere e le Domande a cui vuoi dare una risposta. Stabilire esattamente perché stai leggendo il materiale ti sarà molto utile in fase di studio, potrai infatti focalizzarti sulle cose che ritieni più importanti.  Crea anche una Mappa Mentale delle domande a cui vuoi dare una risposta, via via che studi e trovi cose che non capisci aggiornala con le nuove domande.

APPLICAZIONE

5) Panoramica: scorri nuovamente il testo in modo più approfondito, usando i tuoi obiettivi e le domande per selezionare le informazioni fondamentali. Crea una mappa mentale generale degli argomenti
(Basic Ordering Ideas). Soffermati ogni volta che incontri qualcosa che cattura la tua attenzione.

6) Anteprima: inizia a scendere nel dettaglio leggendo “inizio” e “fine” delle parti rilevanti (il 90% dei contenuti si trova li, il resto serve a spiegare nel dettaglio). Continua ad aggiornare la tua Master Map oppure crea una mappa mentale per ogni capitolo (io preferisco la seconda opzione)

7) Approfondimento: leggi quello che finora hai saltato (le parti centrali), continuando a completare la/e mappa/e mentale/i.

Nota Bene; fino a questo punto, se incontri un concetto che non ti è chiaro, limitati ad aggiungerlo tra le domande del punto 4, senza sforzarti a rileggerlo finchè non lo capisci. Il cervello si annoia velocemente, probabilmente il concetto non ti è chiaro perché mancano delle informazioni, vai avanti e continua a costruire il puzzle, più avrai la visione d’insieme e più facile sarà capire il tutto.

8) Verifica: questa è l’integrazione finale. Hai completato la mappa mentale, verifica di aver raggiunto gli obiettivi prefissati e di aver sciolto ogni dubbio (punto 4).

Vuoi imparare ad usare le Mappe Mentali per avere un vantaggio competitivo nel tuo lavoro? Inserisci i tuoi dati Qui e scarica le Risorse Gratuite

 

 

Buone Mappe Mentali

Eugenio Olmetto

 

Ti potrebbe interessare:

2 Responses to STUDIARE CON LE MAPPE MENTALI – IL METODO MMOST

  1. janette ha detto:

    salve, sono janette. Sono finita su questo sito perchè vorrei aiutare mia figlia 14enne che è in prima liceo scientifico a studiare meglio. proprio come Lei a molte difficoltà perchè studia tanto, ma con poco risultato molte volte purtroppo neanche la sufficienza. se ho ben capito alla fine la mappa mentale altro non è che uno schema su quello che lo studente deve studiare, giusto? sul punto 4 Lei indica di individuare gli obiettivi e le domande, cioè nel caso di un argomento scolastico la ragazza deve individuare le cose più importanti? le chiedo di darmi una "mano". grazie, attendo sue notizie.

     

    • Eugenio Olmetto ha detto:

      ciao Janette,

      premetto che io insegno ad usare le mappe mentali ai manager, non agli studenti, quindi girerò la tua domanda a persone che si occupano di questo.

      Lo studio è un argomento complesso che non può esaurirsi in un singolo post, dipende da come si sente la persona, da quanto è interessata alla materia, di come sa organizzarsi le giornate, di quanto vede come stressante lo studio etc…

      Nel caso specifico della tua domanda, il discorso di definire prima obiettivi e domande serve a rimanere focalizzati e a non perdere la concentrazione in dettagli inutili.

      Faccio un esempio stupido ma spero che renda l'idea:

      se il professore di storia è fissato con le date, allora tra gli obiettivi sarà importante scrivere "memorizzare date", in questo modo, mentre scorri il testo sai che, ogni volta che vedi una data, la devi "mappare"…in caso invece al professore interessi solo che tu inquadri il periodo storico magari si può passare più velocemente sul discorso date cercando di inquadrare solo il periodo storico.

      Se mentre studi qualcosa non ti è chiaro, invece di fermarti a capire, ti segni la domanda e vai avanti, perchè il cervello si annoia velocemente e magari la mancata comprensione è dovuta al fatto che mancano delle informazioni che verranno affrontate più avanti.

      Alla fine, aver tracciato obiettivi e domande, ti darà la possibilità di verificare la sua preparazione.

      Studiare è un po' come costruire un puzzle, prima guardi com'è fatta la figura, poi inizi a dividere i pezzi e a costruire il contorno, più pezzi metti più è facile metterli.

      Spero di averti risposto,

      In bocca al lupo a tua figlia

      Eugenio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.